mercoledì 29 ottobre 2014

Mödernaked













@Nostal_Chic


Share/Save/Bookmark

martedì 7 ottobre 2014

L'ecole Des Femmes








@Nostal_Chic

Share/Save/Bookmark

giovedì 25 settembre 2014

Vogue.it/talents: Damien Ravn



@Nostal_Chic
Share/Save/Bookmark

giovedì 11 settembre 2014

Ispirazione Culottes




@Nostal_Chic


Share/Save/Bookmark

lunedì 1 settembre 2014

September Issue 2014 - Black / White








@Nostal_Chic



Share/Save/Bookmark

mercoledì 13 agosto 2014

SUMMER IS MINE 2014. A volte ritornano. Grazie al cielo.



Fra pochi giorni, più precisamente sabato 16 e  domenica 17 Agosto  ci sarà la seconda edizione del Summer Is Mine Festival che vedrà radunate nel parco di Villa Sulcis a Carbonia alcune fra le realtà più interessanti del panorama musicale isolano e non solo (Zeus! Junkfood!).
Per saperne di più ho contattato Andrea “Muma” Murgia, amico ed esimio esponente della Lee Van Cleef, l’associazione che sta movimentando con svariate iniziative culturali la città di Carbonia.

 photo sim2_zps946b44c9.jpg 


Prima di tutto rinnovo i miei complimenti: è passato un anno dalla prima edizione e mi auguravo di intervistarti anche in merito ad un’eventuale seconda e, beh, eccoci qui! Come è andata? Ci sono state differenze organizzative rispetto all’anno scorso? E’ stato più o meno semplice?

Ti ringrazio per la fiducia! È andata molto bene, al di là della più rosee aspettative e quindi eccoci qua, con una seconda edizione che ci rappresenta meglio, più vicina alla nostra idea di festival. Quest’anno sarà articolato in due giorni e questa è già la novità che salta più agli occhi, due giornate che, per forza di cose, sono uno sbattimento organizzativo maggiore rispetto allo scorso anno, ma lo stiamo vivendo serenamente, consci che quest’anno faremo tanti errori ma anche tante belle cose.

La line-up è molto interessante. Ci sono delle realtà isolane  ben consolidate come i Plasma Expander e delle novità succose come i Pussy Stomp e siete stati attenti a rendere il mix eterogeneo con generi che spaziano dall’elettronica di Arrogalla, al folk country dei Takoma passando per l’hip hop di Donnie e via discorrendo. Cosa succede prima di avere i nomi in cartellone? A cosa pensate e cosa vi guida quando “costruite” la scaletta dei gruppi? Qual è il filo conduttore, musicalmente parlando, del Summer Is Mine?

La line-up di quest’anno è, secondo noi, la migliore che potessimo fare con le risorse economiche che avevamo a disposizione. Il filo conduttore del Summer Is Mine è una cosa ancora un po’ astratta, almeno musicalmente: i gruppi che abbiamo inserito in scaletta sono tutti gruppi che adoriamo e che apprezziamo da anni, mettere d’accordo un gruppo di sei persone è estramente complesso, ma ti posso dire con sincerità che, a parte qualche nome scartato per motivi economici, la line-up non ha subito drastiche mutazioni dalla prima versione. Siamo emozionati per i primi ospiti nazionali del Summer Is Mine: Zeus e Junkfood sono state tra le nostre prime scelte, ed essere riusciti a portarli nel nostro piccolo evento ci riempe di gioia. Siamo molto fieri di avere tutti questi bei nomi in cartellone. Per dare spazio a tutti abbiamo deciso di organizzare due spazi che ospiteranno i concerti dalle 18 fino all’una di notte. I palchi non potevano prendere che il nome di due eroi dell’associazione: Lee Van Cleef e Eli Wallach, veri e propri nostri  beniamini

Le grafiche sono un bijou e il teaser è delizioso. Ho avuto modo di parlarne con alcuni degli artisti che si esibiranno e tutti adorano le animazioni che li riguardano. Chi se n’è occupato?  Avete dato delle “linee guida” per l’allestimento del concept grafico?

La parte grafica, e son contento che vi sia piaciuta, è uno dei nostri vanti. I ragazzi che ci hanno lavorato hanno capito sin da subito cosa volevamo e quindi è stato facilissimo tradurre in immagini il nostro pensiero. Erre Push ha già collaborato con noi lo scorso anno e quindi sapevamo che il prodotto finale sarebbe stato magnifico. Erika e Miriam lavoravamo insieme per la prima volta e siamo rimasti super felicissimi di averle coinvolte. Non ti nascondo che quando abbiamo visto la prima volta il teaser della line-up una lacrimuccia di gioia ci sia scappata. Credo che le collaborazioni con queste artiste e artisti dureranno per tanto tempo!










Oltre alla musica leggo di attività collaterali presenti nell’ambito del Festival. Cosa ci sarà? Cosa avremo l’opportunità di vedere fra un’esibizione e l’altra?
 Quest’anno abbiamo messo a dispozione dieci stand, dove esporranno artisti e dove si potranno acquistare stampe e maglie realizzate da alcuni grafici locali. Alle 18, all’inizio di ogni serata, offriremo un aperitivo al pubblico: piccole cose certo, ma vorremmo che si creasse un ambiente intimo, una sorta di contatto con tutti quelli che in questi mesi ci hanno seguito sui social network aiutandoci nella raccolta fondi, dimostrandoci affetto e facendoci sentire spalleggiati. Una comunità, quella di Carbonia, che ha accolto meravigliosamente il nostro festival dimostrando di avere sete di iniziative culturali. Cultura che da anni Villa Sulcis ospita con le mostre organizzate dal circolo arci cittadino, dal lavoro della società umanitaria e, last but not least, dai ragazzi del Pitosforo Art Music Bar che sono diventati un punto di riferimento per la musica non solo di Carbonia, ma di tutto il circuito sardo.

Quali sono i vostri obiettivi nel prossimo futuro? Cosa bolle nei pentoloni della Lee Van Cleef?

Sicuramente la terza edizione del Summer Is Mine: abbiamo contattato alcuni nomi per il prossimo anno e abbiamo già qualche risposta. A dicembre, se tutto va bene, cominceremo a presentarne alcuni. Ad ottobre, quindi colgo l’occasione per invitarvi tutti, a Carbonia si terrà la VII edizione del Mediterraneo Film Festival, dove si presentaranno film in anteprima e incontri con registi e attori. Quest’anno abbiamo l’onore di occuparci della parte musicale del festival, quindi dall’8 al 12 ottobre non prendete appuntamenti!


Share/Save/Bookmark

venerdì 1 agosto 2014

Carven AW/14


Campagna a cura di Viviane Sassen.
Share/Save/Bookmark

mercoledì 2 luglio 2014

Sardoriartisti - Chiara Coppola



     
  
                                                              
  






30% STREET : Prospettive che danno le vertigini, vecchietti innamorati, luoghi pubblici umanizzati da dettagli sono alcuni dei nuclei visivi che emergono più ricorrentemente sfogliando le cartelle.img che la fotografa cagliaritana Chiara Coppola, timidamente mi mostra dal suo pc. Osservandole mi racconta che tale ‘ridondanza’ non è intenzionale


“Mi son resa conto che ci sono delle cose che il mio occhio tende a cogliere prima che le veda. Spesso, la mia fotografia è "dettata dall'intuito". Un discorso che va poi a parare nel mio cruccio più grande: più entri nel merito di una cosa, più devi adeguarti alle logiche che la governano: vuoi diventare una reporter o un cuoco o un acrobata? Ogni mestiere ha le sue velleità, le sue regole e un sacrosanto background di studio. Il che a volte va a scapito del puro piglio voyeuristico che mi spingeva e divertiva all'inizio; ci sono giorni in cui riesco ad accettare questo assunto e ci faccio pace ed altri in cui mi sento molto più a mio agio da ineducata, curiosa, fotografa (nel senso di persona che scatta fotografie) quale sono".

Un’importante conflitto tra due spinte che, mi pare di cogliere, tu stia cercando di conciliare affinché la tecnica possa essere di supporto a quell’istinto che fai fluire quando ti immergi nel contesto...

“E si, credo che se dovessi riflettere ogni volta su ciò che faccio, non me ne andrebbe bene una. Quando scatto foto in strada, sono totalmente in balia di quello che vedo, essendo molto curiosa non posso fare a meno di essere rapita da ciò che mi circonda, che siano cose inanimate o meno".



    



10% RITRATTI :  "E' un progetto che ho intrapreso per provare a recuperare un rapporto diretto tra me e le persone che immortalo! Facendo foto in strada, la macchina fotografica mi fa sentire invisibile e al sicuro, le persone che fotografo non lo sapranno mai nella maggior parte dei casi. Chiedere al contrario a qualcuno (anche sconosciuto) di sedersi su un divanetto, in una camera da letto, e farsi ritrarre nelle peggiori condizioni possibili (senza luci adeguate , uso un faretto da giardino, o attrezzatura da studio) mi costringe a instaurare un rapporto col "soggetto" e dopo quasi 100 persone fotografate comincio a trarre delle conclusioni e a dare una forma a quello che da subito non volevo fosse un "progetto fotografico" con tutti i crismi, linee, prospettive, concept e ma solo un puro e semplice esperimento”.





50% SPAZI URBANI / CITTA' CUBO : Arrivando agli ultimi sei mesi, sembra che ci sia stato 'un ampliamento del tuo occhio fotografico'… 
"Ora mi trovo in un spazio d’interesse che si rivolge agli spazi urbani e alle città, sforzandomi di ragionare in modo più approfondito e consapevole sulle cose immobili, e cercando di costruire un racconto attraverso cui si possano dire tante cose sulle persone senza usarle come soggetto. Si tratta di un escamotage. La città è come un corpo geometrico composto da linee, forme e inganni dove lo spazio è ostaggio di prospettive voraci che, senza preavviso e piuttosto spesso, nell'insinuarsi ne sovvertono l'ordine: quello che ora appare come una forma consueta, diventerà sempre più simile al ricordo di qualcosa che credevi di aver visto".

Curiosa questa riflessione sull’animosità degli oggetti…
“La loro è una dimensione totalmente parallela che mi porto dietro da sempre, tanto che è stato naturale trasferirlo in immagini. Un anno fa l’ho esorcizzato mettendo insieme in un tumblr, una serie di fotografie scattate negli anni ad oggetti che secondo me si annoiano  (http://lecosedasole.tumblr.com/) Naturalmente io stessa ci sorrido su, anche se tuttavia credo che attribuire agli oggetti (soprattutto quelli di uso quotidiano) una qualche dimensione umana, è una cosa che mi ha sempre fatto sentire meno sola. Non parlo di cose pese, la dimensione resta comunque goliardica e forse non c'è nemmeno un senso vero e proprio. Essi sono una presenza fissa, costante, invadente e immobile cioè sono ‘fisso in mezzo’, li usiamo, ci servono, si rompono, si perdono, si spostano!!! Siamo circondati! Non ci posso nemmeno pensare che siano "senza vita" e mi ha sempre fatto ridere molto immaginare cosa fanno quando noi non ci siamo. In passato scrivevo delle storielle su di loro poi ho iniziato a fotografarli mi sono stati parecchio d'aiuto, grandi maestri di composizione.

Riprendendo il discorso sul progetto 'Città Cubo' posso dirti che ora il senso dello scatto è volto ad annullare visivamente il concetto realistico dello spazio, ragionando su linee forme e prospettive, mescolando le carte in modo più artistico che documentaristico. Affinché una forma possa essere interpretata in più modi, come accade all’interno della dimensione onirica, in uno spazio meno realistico. Mi sento come davanti ad  un giocattolo nuovo, lo giro e lo rigiro, lo smonto e sempre in fase di studio e sperimentazione. Ho il tempo di sognare su cosa voglio far vedere
E ho scelto di farlo in modo astratto".




10% LA VITA E’ DURA :  Insieme a quest'ultimo grande progetto ne ha preso spazio un altro che ho amato immediatamente, sopratutto per il velato umorismo...
"E' un progetto fotografico tragironico che comincia dove finisce il sorriso, dove le uova si rompono, l'ombrello s'inceppa e le chiavi di casa sono infondo al tombino. Si tratta di fotografie scattate col telefono in strada, sull'autobus, ovunque che immortalano l'inesorabile e monolitica condizione che quotidianamente ci attanaglia: grandi e piccini, umani e animali, oggetti e luoghi, per tutti, spesso, la vita è dura!"









Concludendo, mi sembra che emerga un rapporto con la fotografia in cui confluiscono diversi aspetti della tua vita su cui sembri essere in continua riflessione…
“Penso, per lo meno per quel che è la mia esperienza, non so se sia una regola in generale, che il fare fotografie, sia un modo per mettere in mezzo se stessi, non che questo lo si debba obbligatoriamente fare, però è un altro occhio puntato su quello che ti circonda. Questo, appunto, viene filtrato in modo diverso a seconda delle persone, ed è bello così. Mi affascina raccogliere foto random prese dalla rete, preferisco che vengano loro piuttosto che andare io a cercarle. Esse sono totalmente inconsapevoli, ma sono di una bellezza notevole proprio perché sono la rappresentazione della realtà attraverso un pulsante che viene schiacciato da quel qualcosa che si muove tra l’occhio e il cervello e ti dice ‘quello lo voglio!"







Il progetto "CUBO (Pensavo di soffrire di vertigini solo in sogno)" di Chiara Coppola e a cura di Barbara Lanzafame sarà visibile presso lo STUDIO UMIDO, in Via Corte D'Appello 71, Cagliari, dal 11 Luglio ore 19:00 fino 22 Luglio _ 
Altamente consigliato!!!

Riferimenti Web: 
chiara.coppola@live.it
https://www.facebook.com/eatyourself/
          

@Nostal_Chic




Share/Save/Bookmark

martedì 10 giugno 2014

Buono, ottimo, squisito … E' il gelato Lazzari!!!

http://www.lazzarionline.com

@Nostal_Chic





Share/Save/Bookmark

mercoledì 21 maggio 2014

An Italian Theory / FUSILLO


http://www.anitaliantheory.com/about/


@Nostal_Chic

Share/Save/Bookmark

giovedì 15 maggio 2014

LAZY OAF / PRICKLY CAP


@Nostal_Chic



Share/Save/Bookmark

mercoledì 27 novembre 2013

MALASORTI: living nichos, connubi sardissimi e frastimus (in dub) che portano bene




La prima volta che ho visto il video di Malasorti ho mandato una mail entusiasta ad Enrico Ciccu, uno dei boss di Welcome 2 My Mondo e regista del video, complimentandomi in maniera scomposta e forsennata.
Mesi dopo eccomi qui con i Malasorti ben disposti a rispondere a tutti i miei quesiti alla vigilia dell’uscita del loro primo EP.
Per dire che non sono una frullallero qualunque: me le vado proprio a stalkerare le persone e le attiro con promesse di tè verde e torte agli Oreo.

Per chi non li conoscesse: prendete uno dei producer sardi più apprezzati (anche da noi di The SarDorialist) come Arrogalla e mettetelo in squadra con Emanuele Pittoni voce storica dei Ratapignata per un progetto dalle tinte dub (“Giustamente l’etichetta deve inserirci in un contesto” Mi dice Arrogalla: “Quindi dub sia, anche se non c’è solo quello…”), spolverate con abbondante dose di folklore latino e avrete Malasorti.

 photo 6malasorti1_Fotor_zps3b87b61f.jpg

Lo stile del duo è venuto fuori durante lo studio del concept del video: “Pensavamo a come presentare il progetto sul palco, ad identificarli anche a livello visivo”, ricorda Enrico Ciccu di Welcome 2 My Mondo: “Ed ecco che Lele ci ha spiegato quello che aveva in mente: i nichos messicani e tutto l’immaginario intorno. Abbiamo poi fatto tradurre l’idea in pratica a Luca Cabboi che si è occupato del make up avvalendosi anche dell’aiuto di Mau Kahindra e abbiamo finalmente ottenuto i nostri veri nichos malasortiani.”

Lele Pittoni mi spiega con dovizia la genesi dell’idea: Dopo le prime prove, ho iniziato a pensare al set, a come porci su un ipotetico palco. Fare un concerto senza nessun elemento scenico, soprattutto quando non ci sono strumenti musicali veri (parlo di basso, batteria e chitarre), può determinare, soprattutto nel pubblico un senso di vuoto. La gente vede un palco scarno dove due persone fanno un genere abbastanza difficile e il più delle volte si rischia di rientrare in un clichè tipo “rapper-dj" che non ci appartiene. In questi casi poi il cantante è sempre davanti e prende tutta la scena. Nel nostro caso siamo una cosa sola: cantante e dub master e proprio per questo ho pensato ai nichos messicani, alla loro unicità. Parliamo di una scatolina in cui si ricrea un ambiente unico dove tutto è indivisibile e fondamentale. Un unico nicho gigante musicale pieno di colori e fiori.”
E sul set siamo sullo stesso piano letteralmente!”, aggiunge Arrogalla: “Ci posizioniamo affiancati: lui col microfono e io con i miei strumenti. E’ strano per me, sono abituato a stare più defilato, ma la cosa mi piace: ha un senso”.

 photo 7malasorti2_Fotor_zps0e2c63c8.jpg


Nasce spontanea qualche domanda sull’incontro e sulla decisione di lavorare insieme. Arrogalla sorride e spiega: “Ho lavorato con i Ratapignata al remix di “Dubba prus a forti”, un pezzo che tuttora mi piace molto e che svelava una sorta di connessione “giusta” fra il mio sound e un loro pezzo piuttosto rappresentativo. Il risultato è stato frutto di discussioni molto stimolanti e di un po’ di lavoro. Una volta finito abbiamo parlato, parlato, parlato e da lì abbiamo capito che avremmo potuto collaborare.
Personalmente mi piaceva l'idea di creare delle linee vocali che si adattassero al suo stile.” Aggiunge Lele: “ Nei progetti di Arrogalla esiste sempre una componente suggestiva, melodie molto accattivanti che rendono il brano originale e allo stesso tempo coinvolgente. Per questo abbiamo iniziato a provare e, in brevissimo tempo devo dire, abbiamo trovato un feeling e un suono "malasortiano" in cui convivono benissimo i suoi e miei gusti musicali. Secondo me il suono riprende il dub delle origini (King Tubby e Scientist o Mad Professor) filtrato attraverso lo stile originale di Arrogalla. Io cerco di inserirci delle linee vocali chiare e semplici. E’ infatti quasi sempre presente una strofa e un ritornello che si rifanno a uno stile più simile agli Almamegretta di Sanacore o, in altri casi, riprende lo stile dei primi brani early dub giamaicani reinterpretati in chiave più moderna.”

La scrittura diventa subito oggetto di discussione. “
Malasorti”, il pezzo intendo, è una sorta di indovinello, in cui non si esplicita mai il significato e il parlare per metafora rivela un’attitudine simile a quella dei cantadoris sardi.
Chiedo a Lele se sia il frutto di una ricerca e di un’evoluzione o semplicemente il modo di scrivere che gli riesce più naturale. La risposta è pronta: “Gran parte dei miei testi sono stati scritti pochi istanti dopo aver sentito le proposte musicali di Arrogalla. Ogni suono ricrea dentro di me immagini, momenti, emozioni che ributto fuori subito come testo e linea vocale. Individuo al volo strofa e ritornello e tutto in tempi molto brevi. Ovviamente si tratta di idee che poi vengono plasmate e amalgamate sul brano, ma l'idea di base è quasi sempre quelle scovata al momento. Malasorti è un testo che per me ha un significato preciso, è un testo contro ogni tipo di violenza, ma poi ognuno può trovarci il significato che vuole.”

L’utilizzo del sardo, in particolare, mi ha colpito da subito.
Quello che, in teoria, è un linguaggio “di nicchia” invece, piuttosto sorprendentemente per il mio gusto personale, assume allure internazionale.
(Sì, ho detto “allure internazionale”, denunciatemi.)
Guarda, io capisco il tuo discorso”, mi dice Arrogalla annuendo: “Ma sappi che a volte c’è un preconcetto legato alla lingua sarda derivante dal fatto che spesso chi scrive testi in sardo lo fa in maniera un po’ costruita, poco naturale, giusto per dire “Ehi, cantiamo in sardo!” ma se un pezzo non funziona, a mio parere, non lo farà funzionare il fatto di cantarlo in una lingua diversa. Se un pezzo funziona invece e la scelta del sardo non è tale, cioè se NON è una scelta a priori ma la naturale inclinazione espressiva di chi scrive allora avrai un linguaggio interiorizzato e che fa presa anche su un pubblico che non conosce quella lingua. Di questo abbiamo dimostrazione quando suoniamo in giro. Siamo stati al Tundra Festival in Lituania per esempio, e il pubblico ha risposto molto bene.”

“L'esperienza al Tundra Festival è stata bellissima”
Aggiunge Lele: “ Abbiamo portato un progetto musicale appena nato, non proprio ben definito e ancora da testare fino in fondo. Ma le idee erano chiare e la serie di brani ben architettati per far ballare la gente. La location era fantastica, un bosco fitto fitto di alberi e noi in mezzo, su di un palco piccolo ma con un impianto bomba . I nostri visi dipinti, la musica e l'ambientazione nicho-in-mezzo-al-bosco hanno creato un atmosfera pazzesca. Hanno ballato tutti e l’ora a disposizione è volata in un continuo scambio di emozioni tra noi è le centinaia di persone davanti.”

 photo 8malasortilogo_Fotor_zps2c50cf5f.jpg

Chiedo a questi gentiluomini cosa dobbiamo aspettarci dal set di giovedì 28 Novembre all’Old Square: Ci sarà infatti il release party del loro primo EP “
Frastimus in dub” che uscirà in digitale per LCL e Arrogalla mi anticipa alcuni dettagli: “Pensiamo ad un set dai tempi giusti e intenso. In prova stiamo analizzando tutto, possiamo essere davvero “pibinchi” ma è giusto così. Saremo supportati da Welcome 2 My Mondo e questa collaborazione ci rende fieri, è davvero un lavoro in sinergia il nostro, un lavoro in cui abbiamo la musica in primo piano e un’ottima base visual anche grazie a Gianluca Marras (Marjani Aresti) che si è occupato delle grafiche e che sarà con noi  in fase attivissima durante il concerto.”

“Marjani è un artista cagliaritano” Dice Lele: “E ci accompagnerà durante il set con una performance di live painting. Immagino saremo un nichos con dentro altri nichos creati da lui durante l'esecuzione dei brani. Sta facendo un lavoro bellissimo, nel creare le illustrazioni dell'EP riesce a gestire con formidabile maestria le immagini del progetto. Giovedì sarà un momento importante perchè presentiamo Malasorti una volta per tutte, senza mezzi termini. Ormai il progetto è maturo per sostenere un live che non farei mai senza tappeti messicani, fiori, nichos, calavere, visi dipinti. Senza tutto questo non avrei nulla da dire e non potrei prendermi la libertà di entrare in un altra dimensione fatta di scatoline messicane sonore.”

Non dimentichiamo che il 28 sarà con noi anche Lata, un producer cileno molto bravo, che fa un mix di cumbia e altre sonorità latine in salsa electro.” Conclude Arrogalla: “Farà un set divertente e siamo contenti di essere riusciti ad averlo con noi visto che è nel bel mezzo del suo tour. Arriverà fresco fresco da Parigi, dove si trova in questi giorni per una data, e ripartirà subito dopo per Londra. Merita davvero!”

 photo 5Lele1_Fotor_zpsee900800.jpg

 photo 4frantziscu_Fotor_zps20ad8ebb.jpg

Insomma, per quelli di voi curiosi di entrare in un nicho vivente e sonoro l‘appuntamento è giovedì 29/11 all’Old Square (Cagliari, Corso Vittorio Emanuele 44). Malasorti presenterà “Frastimus in dub”, Marjani Aresti si occuperà del live painting e Lata proporrà il suo set electrolatineggiante.

Fossi in voi verrei, dicono che i frastimus in dub, al contrario di quelli che non lo sono, portino molto bene...


@velvetuzi
 
http://instagram.com/velvetuzi 

Share/Save/Bookmark

martedì 13 agosto 2013

SounDorialist: 5 questions about Summer Is Mine Festival 2013


Succede che questo sabato qualcuno organizza un one-day-festival e lo organizza, surprise, nel Sulcis. L’ Associazione Culturale Lee Van Cleef (lo ricordate? Sì, dai…) partorirà il 17 Agosto il primo figlio, il Summer Is Mine Festival, e ne parliamo con uno dei papà, un amico dal multiforme ingegno e vecchia conoscenza sarDorialista: Andrea Murgia.

 photo SummerIsMineENVISUALcor_zpsa3621923.jpg

Fra le difficoltà incontrate dal Festival Jazz di Sant’Anna Arresi alla pausa dell’ HIS Festival è doveroso ribadirvi i complimenti per il coraggio nell’organizzare un nuovo appuntamento musicale qui e ora. Nel comunicato stampa esordite dicendo che nonostante il periodo non sia dei più floridi la cultura rimane un appiglio al quale ancorarsi e dal quale ripartire. Mi dici un po’ come è nata l’idea di organizzare un evento come il Summer Is Mine?
L’idea di organizzare un festival musicale ci ronzava in testa da anni, ma mai come quest’anno avevamo sentito l’esigenza di associarci e cercare di mettere su qualcosa di veramente concreto. La situazione che attraversa il Sulcis Iglesiente da trent’anni a questa a parte dovrebbe far pensare che magari l’economia delle grandi industrie piovute dall’alto non sia stata un così grande successo. Un territorio con risorse paesaggistiche come il nostro e che ospita festival musicali nazionali e internazionali come Narcao Blues e Ai Confini tra Sardegna e Jazz può e deve cercare vie alternative al modello economico finora proposto. Carbonia e in particolare Villa Sulcis da anni ospitano attività culturali di rilievo, noi stiamo cercando di dare con Summer Is Mine continuità a quelle iniziative che hanno in qualche modo sfondato la porta e portato la cultura e cercato di valorizzare gli spazi cittadini.

Mi pare di capire che l’Associazione Cultuale Lee Van Cleef sia una realtà nuova. Chi c’è dietro? Sicuramente dei fan del Western comunque…
L’Associazione Culturale Lee Van Cleef nel momento in cui scrivo ha appena compiuto due settimane di vita, quindi sì, direi che siamo parecchio “giovani”. Dietro alla silhouette del villain per eccellenza, ci sono appassionati di musica, di arte e naturalmente cinema con esperienza pluriennale nell’organizzazione di eventi (il direttivo è interamente composto da membri dell’organizzazione di Ai Confini tra Sardegna e Jazz) ma soprattutto un gruppo di amici che volevano fare qualcosa per la città in cui sono nati e cresciuti. La decisione di utilizzare il nome Lee Van Cleef è stata presa quasi per caso, ci piaceva il suo faccione da cattivo sul grande schermo ma soprattutto il suo carattere mite nella vita di tutti giorni. Un bel personaggio insomma…
Parlami un po’ della line up e del mood del festival. Ho visto nomi di artisti sardi validi quali Grandmother Safari e Hola La Poyana, solo per citarne alcuni, ma sarà dei vostri anche Iosonouncane. Come avete scelto gli artisti?
La line-up l’abbiamo messa su in pochissimo tempo ed è stato abbastanza semplice: volevamo far suonare semplicemente chi ci piaceva e che ci divertiva. IOSONOUNCANE è uno dei migliori musicisti che la nostra generazione abbia conosciuto, è inutile girarci attorno,  è di Iglesias quindi conosce bene il disagio che sta attraversando il nostro territorio e  per giunta è un carissimo amico. Una scelta facilissima. I Fratelli Detroit sono tra i gruppi che secondo noi si stanno muovendo meglio nella nostra isola, stanno macinando kilometri su kilomentri per le strade sarde e si stanno facendo apprezzare anche in “continente”. Per chi non li conosce sarà una bella sorpresa. I Grandmother Safari ci piacciono proprio tanto, hanno carattere, sono bravissimi musicisti e ottime persone; dovrebbero chiudersi in uno studio di registrazione per far uscire questo benedetto album d’esordio, ma glielo si può perdonare. Personalmente ho apprezzato moltissimo Lazy Music for Dry Skin di Hola la Poyana, mi capitò per le mani qualche mese fa e me ne innamorai letteralmente. è stato uno dei primi nomi a cui abbiamo pensato.  Donnie è invece una delle mie recenti fissazioni: è giovane, tiene il palco benissimo ed è di Carbonia. Ha recentemente firmato un contratto con la Unlimited Struggle Recordins, etichetta di culto per l’hip hop e rap italiano e a settembre uscirà il suo esordio Musica Che Ha Sete. Sarà un set interessantissimo.


Quale è stato lo sbattimento più grande nell’organizzare l’evento? Da quanto tempo siete al lavoro?
Le difficoltà più grosse diciamo sono state legate alla burocrazia: da squadra operativa di festival e manifestazioni culturali non ci siamo mai dovuti occupare di leggi, statuti e norme di sicurezza. Districarsi negli uffici agli inizi è stato un incubo non lo nascondiamo, ma quando hai passione e sei motivato tutto passa in secondo piano. Operativamente siamo al lavoro da circa due mesi, abbiamo fatto i salti mortali per uscire e farci conoscere in così poco tempo. Dobbiamo ringraziare i nostri amici e la comunità del Pitosforo Art Music Bar che ci ha accolti e ci sta fornendo supporto logistico e, soprattutto, morale.


Dimmi un po’ del futuro, ci saranno appuntamenti invernali? Summer Is Mine nasce come progetto isolato o, come spero, avete intenzione di svilupparlo, magari come festival distribuito in diverse giornate, più in là?
Sì l’attività invernale di Lee Van Cleef per il 2014 prevede un impegno in questa direzione:  realizzare  un calendario di appuntamenti  musicali dal vivo  ricco di nomi interessanti, nazionali e sardi, e  questo  in collaborazione con altri soggetti del nord Sardegna. Se vogliamo, Summer Is Mine ha il suo battesimo quest’anno  in un  formato ridotto e limitato ad un giorno di musica. E’ nostro intenzione infatti per l’anno prossimo estenderne la durata e inserirlo nel luogo che meglio gli appartiene: l’ ex-grande miniera di Serbariu, ovvero quello che fu il centro propulsore dell’economia bellica nazionale e oggi simbolo della città con infinite potenzialità.   Crediamo che la miniera debba trasformarsi nel centro nevralgico del turismo culturale e centro attivo di produzione artistica.  La musica sarà protagonista ma non mancheranno le  mostre fotografiche e d’arte, cinema e documentari,  seminari e didattica,  public e street art. 

Trovate la facebook page di Summer Is Mine qui e l’Associazione Culturale Lee Van Cleef qui.
E trovate tutti in carne, ossa, microfoni, amplificatori e chitarre al Parco Villa Sulcis questo sabato 17 Agosto dalle 21… Auguri ai ragazzi dell’Associazione e buon divertimento signori e signore!

@velvetuzi




Share/Save/Bookmark