lunedì 4 ottobre 2010

Un Matrimonio SarDorialista: Di quando Giulia s'è maritata...



"Questo racconto inizia dalla mattina, prima delle nozze infatti io e il mio allora futuro marito ci siamo incontrati al Caffè Svizzero (uno storico Caffè cagliaritano) per un brindisi pre-matrimoniale... "


"...Siamo poi andati a sposarci, a piedi, presi per mano (l'immagine mostra noi due che sbucavamo dai portici, mentre tutti si aspettavano di vederci arrivare in macchina....).
Marco era elegantissimo: per l'abito è andato dal miglior sarto di Firenze (dietro indicazione di nostro cognato, che è un elegantone) e ha scelto due tessuti Loro Piana.
La camicia con i polsini da gemelli, è stata fatta a Cagliari, fra mille ansie perchè non ci si è capiti proprio bene... Le cravatte sono comprate a Parigi da Charvet in Place Vendome, e anche i gemelli. "


"...L'abito è un vintage di una casa storica fiorentina ("Nicoletta Spose"). E' realizzato a mano su un cartamodello unico di Dior (unico nel senso che la casa comprava i cartamodelli numerati a Parigi, realizzava un unico vestito, mai più uno uguale). Giravo alla ricerca di un vestito... vedevo cose orribili e costosissime... mai mi sarei infilata in un terribile abito da sposa: l'effetto torta era dietro l'angolo...
Finchè un giorno una signora dalla quale compro del vintage mi ha dato il numero di telefono del figlio di questa signora Nicoletta... Favola! Mi son ritrovata in un villino ottocentesco, a casa di questa signora che continuava a chiedermi se fossi una fotomodella e mi prometteva che sarebbe arrivata al mio matrimonio su un catamarano insieme a suo marito morto 40 anni fa... In una stanzetta c'erano una ventina di abiti da sposa, gonne, sottogonne di tulle, corpetti, fiori, pizzi, nastri, scarpe... per un paio d'ore sono stata vestita, spogliata, acconciata da Nicoletta e dalla sua commessa, ormai ultrasettantenne... Sono uscita frastornata, e con i miei vestiti. Arrivata a casa le ho richiamate e ho chiesto lui, il MIO vestito: era l'unico che non mi avevano fatto provare, era l'unico che avrei potuto indossare il giorno del mio matrimonio. Perfetto, essenziale, chic e incredibilmente sexy!
Anche le scarpe sono notevoli: io ho il culto delle scarpe italiane per cui ho optato per un sandalo gioiello Sergio Rossi scovato all'outlet The Mall, già visto a prezzo pieno (e nonostante fosse un outlet era comunque improponibile)... Beh, ho avuto il coraggio di aspettare i saldi e le ho ritrovate, unico numero!"



"...Siamo arrivati in Comune e saliti attraverso due diverse gradinate, io con mio babbo e Marco con sua mamma, mentre Lisa (Primo Flauto dell'Orchestra Del Teatro Lirico di Cagliari) suonava...Alle 11:30 ci siamo sposati!"



"...L'acconciatura l'ho fatta io: da un complicato cappellino ornato di veletta e maxi fiore ho salvato solo quest'ultimo, attaccandolo a un cerchietto sottile. Avrei voluto usare anche la veletta (che la gatta mi aveva in parte divorato mentre la mostravo a un'amica), ma il 3 settembre a Cagliari c'erano 45 gradi all'ombra, quindi è stata scartata a mezz'ora dal matrimonio.
Ho fatto tre prove capelli, in tre posti diversi, tutte con risultati disastrosi. Ho passato tutta l'estate a curare le chiome per averle morbide e lucenti il giorno del matrimonio. Ogni volta che dicevo "Voglio una pettinatura che con un movimento possa sciogliere e avere i capelli morbidi e puliti" mi guardavano inorriditi. E' stato costruito di tutto sul mio cranio: un fiore (di capelli, certo), una banana (fine no?) e un oggetto non identificato che volevano ricoprire di edera dorata. Al chè ho deciso di pettinarmi da sola. L'idea mi è stata data dalla mia fotografa ufficiale, Elle Pulp, che mi ha consigliato di raccogliere i capelli in uno chignon sul lato. La sera prima del matrimonio sono andata in un piccolo salone da parrucchiera del centro (molto vintage) senza prendere appuntamento, e mi son fatta fare una piega molto naturale. La mattina, mentre i miei erano non so dove ho attorcigliato i capelli in una retina, ho fermato il tutto con due forcine... et voilà! Dopo il pranzo ho sciolto i capelli e sono andata a dormire: quella che vedrete nella foto del party con l'abito da sera rosso è la mia acconciatura della sera! No lacca, no pieghe! NO B-A-N-A-N-E!!!!!!
Per quanto riguarda il make up: ho fatto la prova alla Lancome e per un trucco sposa e un trucco sera mi hanno chiesto 700 euro! Ah, 700 euro, è così? Allora mi son comprata 700 euro di trucchi, creme, profumi e balocchi, e mi son truccata da sola (seguendo le indicazioni della prova trucco ma evitando l'effetto trans ;) ). "


"...Ho evitato di dare i nomi ai tavoli, li ho semplicemente numerati e ho creato io la grafica dei menu, ispirandomi a quella dei menu della Tour D'argent di Parigi... (sono malata!!!! Ahah!!!!)...Il pranzo è stato fatto con parenti strettissimi e amici che venivano da Firenze (40 persone) al Palazzo Floris Thorel, su due piani separati da due immense scalinate spagnoleggianti. nessun decoro, tovaglie panna, il palazzo faceva il suo. Per le bomboniere invece mi ha salvato la mia favolosa zia Giustina, che ha realizzato 100 sacchetti di seta chiusi da dei nastrini di pizzo antico, uno diverso dall'altro. "


"...Per la mise en place e' stato tutto piuttosto difficile, non tanto perchè volessi cose impossibili, ma proprio perchè il mio concetto di essenzialità non veniva ben capito dalle persone alle quali mi rivolgevo. Non ho mai visto così tante composizioni di fiori da morto in vita mia, nè torte così pacchiane (la sola parola TORTA mi fa venire i brividi) così ho ordinato delle monoporzioni bianche o nere da Pirani, decorate con delle rose di cioccolato e alzatine colme di confetti)."


"...Abbiamo preso le uniche due stanze che vengono date in B&B nel meraviglioso palazzo De Candia... e la sera siamo arrivati semplicemente a piedi al party.
Abbiamo invitato 200 amici ad un buffet con dj set e free drink (ho fatto dei tagliandini a forma di farfalla) sulla terrazza del Bastione... Ci siamo sposati di giovedì, in modo che non ci fosse troppa gente in giro, in ogni caso chiunque era libero di portare amici e andare e venire come meglio credeva! Prima del dj set ha cantato Francesca Corrias con i Sunflower Quartet.... C'era la luna piena e il cielo cobalto..."

So che sapete che non sono esattamente una persona romantica ma non ho potuto fare a meno di pubblicare il racconto e le foto di Giulia (non la ringrazierò mai abbastanza per avermi fatto accedere all'album) anche se io, notoriamente, odio le feste di matrimonio per il fatto che trovo la maggior parte di esse pacchiane e volgari (per non menzionare le solite foto, ODDIO SANTISSIMO!).
Il mio pensiero usuale non vale ovviamente per il suo matrimonio nel quale lei ha preteso di essere sè stessa e fare solo cose che le piacessero: il massimo dello chic!
Per quanto riguarda le foto, beh, sono adorabili e sono state realizzate dalla nostra sarDorialista ad honorem Ellepulp! Nessuna posa, nessuna forzatura. Tanto si sa, quei due erano bellissimi senza che si dovesse interferire con luci e trucchi strani... Un matrimonio SarDorialista in piena regola! Ci sentiamo romantichi!
Un bacio
(Oggi è lunedì, lo so, ma domani sarà martedì, consoliamoci!)
Velvetuzi



Share/Save/Bookmark

10 commenti:

  1. Grazie a EllePulp... che ha colto in pieno il mio spirito da Amelie... i miei capricci, i miei sogni...il nostro amore. Ci ha regalato degli scatti pieni di luce e dolcezza.
    Giulia

    RispondiElimina
  2. Amore a profusione a Giuliassa, Ellepulp e un pò anche a quelle tortine di Pirani che mi hanno causato non poca salivazione durante la costruzione del post...
    Velvetuzi

    RispondiElimina
  3. Oddio il vestito è stupendo!
    Complimenti!
    S.

    RispondiElimina
  4. ^__^

    Devo ammettere che normalmente non accetto mai le proposte di servizi matrimoniali, (la penso un po come Vevetuzi, volgari e pacchiane).
    Ma quello di Giulia era imperdibile, Lei, col suo animo spensierato, i suoi abiti ricercati, la sua freschezza erano veramente allettanti per il mio animo feticista!

    Mi ha chiesto: "l'unica cosa che devi fare e spiarci come un occhio curioso e cogliere i momenti migliori." *__*

    Ho detto subito si!
    Grazie Giulia e Grazie Velvetuzi!

    RispondiElimina
  5. Hey cool blog!
    Please visit my blog and tell me what you think about. I hope you'll be one of my followers.

    Bye LB

    http://lucabelotti.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. non ho parole....solo tante lacrime di commozione.....Giuly sei troppo speciale.....io ti adoroooooo......Vale Cardia

    RispondiElimina
  7. Anche io dopo aver letto l'articolo ho voglia di sposarmi...complimenti per lo stile!

    RispondiElimina
  8. ah....dimenticavo di fare i complimenti alla geniale "fotografa"....bravissimaaaaa.....per aver immortalato un matrimonio tanto specialeeee...in tutti sensiiiii.....coppia fantasticaa...Vale C.

    RispondiElimina
  9. E' vero che spesso la voglia di eleganza e semplicità non viene mai capita quando si tratta di matrimoni ;-)

    RispondiElimina